Gennaio 22, 2021

Migliori pratiche per gestire l’infiammazione dei tessuti molli

Il corpo umano è sia estremamente resistente al modo in cui lo trattiamo, sia molto fragile ai traumi quotidiani. Nel corpo, il tessuto molle è classificato come legamento, tendine o muscolo. Quando i tessuti molli subiscono una lesione, la reazione generale è normalmente un’infiammazione. L’infiammazione può essere sotto forma di tessuti contusi, sanguinamento, dolore o gonfiore. Quando l’infiammazione non viene affrontata in tempo utile, la situazione peggiora. Sangue e gonfiore possono rimanere nella parte lesa e questo significa più tempo per guarire. Per gli atleti e gli sportivi, molto tempo per guarire significa che non sono in grado di riprendere l’allenamento o la competizione. Una grave infiammazione porta a una riduzione dei movimenti per consentire la guarigione.

Lesioni comuni dei tessuti molli

Muscoli, legamenti e tendini sono i tessuti più comunemente danneggiati. Le lesioni a questi tessuti molli si verificano principalmente durante l’esercizio o le attività sportive, ma possono verificarsi anche durante le normali attività quotidiane.

Tra le lesioni dei tessuti molli più comuni vi sono borsiti, contusioni, tendiniti, distorsioni e stiramenti. Queste lesioni possono essere trattate prontamente; Tuttavia, tutti richiedono molto tempo per guarire. È una grande preoccupazione quando gli sportivi e gli atleti subiscono uno di questi infortuni. Questo perché gli infortuni li trattengono dalle loro attività sportive.

Le lesioni dei tessuti molli causano

Esistono due categorie principali di lesioni dei tessuti molli. Queste sono lesioni da uso eccessivo e lesioni acute. Le lesioni acute derivano da un trauma inaspettato come una torsione, un colpo o una caduta. Le lesioni acute includono distorsioni, contusioni e stiramenti.

D’altra parte, le lesioni da uso eccessivo si verificano per un periodo di tempo e non all’improvviso. Possono derivare da un’attività continua che ferisce i muscoli o quando il muscolo non ha il tempo di guarire. Le lesioni da uso eccessivo includono borsite e tendinite.

Esistono diversi tipi di lesioni acute dei tessuti molli, in base alla gravità e al tipo. Le lesioni acute vengono inizialmente trattate con il protocollo RICE (Rest, Ice, Compression and Elevation) e normalmente funziona bene.

RISO (riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione)

Questo è il trattamento di base per le lesioni acute ed è normalmente molto efficace.

  • Riposo significa che la persona ferita dovrebbe astenersi dall’attività che ha portato alla lesione. Questo dovrebbe accadere per un periodo di tempo o fino a quando non ci sarà il recupero. Quando si cammina o si eseguono movimenti normali, un medico può consigliare l’uso di stampelle per evitare di sforzare i tessuti o i muscoli in via di guarigione.
  • Ghiaccio significa che usi impacchi freddi sulla parte lesa. Gli impacchi freddi possono essere utilizzati a intervalli di 20 minuti in momenti diversi della giornata. Tuttavia, non applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle.
  • La compressione su un tessuto molle danneggiato viene eseguita principalmente utilizzando un bendaggio compressivo. La benda è normalmente elastica per prevenire più gonfiore e perdita di sangue.
  • L’elevazione è un modo per ridurre il gonfiore. Funziona facendo sollevare la ferita più in alto del cuore della persona quando è a riposo o seduta.

Distorsioni

Quando hai una distorsione, significa che hai uno strappo o un allungamento del legamento. Le articolazioni del corpo sono supportate e stabilizzate da legamenti o fasce di tessuto connettivo che uniscono le estremità delle ossa. Ad esempio, l’osso della coscia è collegato allo stinco dai legamenti del ginocchio. Questa connessione consente agli esseri umani di camminare.

Ci sono parti del corpo che soffrono facilmente e frequentemente di distorsioni. Le parti includono ginocchia, caviglie e polsi. Puoi slogarti la caviglia quando il piede gira verso l’interno, esercitando molta pressione sui legamenti esterni della caviglia. D’altra parte, puoi ottenere una distorsione al ginocchio quando avverti una brusca torsione. Puoi avere una distorsione al polso quando cadi con le mani tese.

Le distorsioni possono essere classificate in base alla loro gravità:

  • Distorsione lieve o di primo grado: si riferisce allo stiramento minimo e alla minima distruzione delle fibre legamentose.
  • Distorsione moderata o di secondo grado: significa che il legamento è leggermente strappato. La distorsione moderata può provocare lassità o allentamento inspiegabile nell’articolazione lesa. Questo allentamento si verifica quando l’articolazione viene spostata in modi particolari.
  • Distorsione grave o di grado tre: significa che il legamento è completamente lacerato. Questo livello di distorsione può portare a una grande instabilità.

Queste categorie di distorsioni variano a seconda dell’intensità. Tuttavia, ciascuna delle categorie è caratterizzata da infiammazione, dolore, gonfiore e lividi. La forma più comune di trattamento delle distorsioni è il protocollo RICE e la terapia fisica.

Per le distorsioni moderate, è necessario un periodo di rinforzo. Il rinforzo può comportare l’uso di scarponi CAM per assistere e supportare la mobilità di una distorsione alla caviglia. Per distorsioni gravemente tese, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per riparare i legamenti.

Varietà

I ceppi sono lesioni che si verificano su tendini o muscoli. I tendini possono essere definiti come corde di tessuto fibroso che uniscono i muscoli all’osso. I ceppi si verificano principalmente nelle gambe o nella schiena. Nelle gambe, le tensioni si verificheranno principalmente nel tendine del ginocchio.

Proprio come nelle distorsioni, le distorsioni possono essere il semplice allungamento del tendine o del muscolo. Un ceppo può interessare parte di un muscolo o tendine o l’intero tendine o muscolo. I principali sintomi di uno sforzo includono spasmi muscolari, infiammazione, crampi, dolore, gonfiore e debolezza muscolare.

Gli sportivi sono quelli a maggior rischio di contrarre i muscoli posteriori della coscia. Questi includono lottatori, calciatori, pugili, atleti e altro ancora. Gli sport, come il tennis e la ginnastica, richiedono una presa elevata. Nella maggior parte dei casi, le lesioni da tali attività sono distorsioni della mano. Coloro che subiscono stiramenti al gomito lo fanno principalmente dopo aver praticato racchette, lanci e sport di contatto.

Un ceppo viene trattato principalmente come una distorsione. Il trattamento è il trattamento di base del protocollo RISO; riposo, ghiaccio, compressione seguita da elevazione. Dopo il trattamento del protocollo RICE, si dovrebbe impegnarsi in semplici esercizi per alleviare il dolore. Questi semplici esercizi aiutano anche a ripristinare il movimento. Se il ceppo è molto grave, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Lividi / contusioni

Puoi farti lividi quando un colpo diretto o colpi da un oggetto contundente colpiscono una parte del tuo corpo. Quando il tuo corpo viene colpito dall’oggetto, schiaccia le fibre muscolari sottostanti e il tessuto connettivo. Quando si tratta di lividi, la pelle non è rotta.

Puoi anche ammaccarti quando cadi o quando sbatti il ​​tuo corpo contro una superficie dura. Quando la pelle si scolorisce, significa che il sangue si è accumulato attorno alla parte lesa. La maggior parte dei lividi sono normalmente lievi e possono essere facilmente curati attraverso il protocollo RICE. Se un livido o una contusione persiste, dovresti cercare un trattamento medico per escludere la possibilità di tessuti molli danneggiati in modo permanente.

Lesioni dei tessuti molli da uso eccessivo Tendinite

Si tratta di irritazione o infiammazione del tendine o dello strato esterno di un tendine (guaina). La tendinite si verifica quando c’è un continuo aggravamento e una sequenza di piccolo stress sul tendine. La tendinite è normalmente caratterizzata da dolore e gonfiore che peggiora quando ci si impegna in attività.

Un esempio comune è il tendine di Achille, che può ispessirsi o gonfiarsi quando si verificano piccole lacrime su questo tendine. Per i golfisti, i nuotatori, i giocatori di baseball e di tennis, la tendinite si verifica spesso nei gomiti e nelle spalle. Per i ballerini di aerobica, i corridori, i giocatori di basket e di calcio, la tendinite si verifica principalmente alle caviglie e alle ginocchia.

Il trattamento della tendinite può variare. Per eliminare lo stress sul tendine, il riposo è un buon modo per trattarlo e gestirlo. Esercizi, trattamenti antinfiammatori, splintaggio e iniezioni di steroidi vengono utilizzati anche per correggere lo squilibrio muscolare e aumentare la flessibilità. Quando l’infiammazione continua a manifestarsi in modo coerente, può portare a danni significativi ai tendini che potrebbero richiedere un intervento chirurgico per il trattamento.

Borsite

Le borse sono minuscole sacche gelatinose che si trovano in tutto il corpo, inclusi tallone, gomito, fianchi e spalle. Queste borse hanno una piccola quantità di liquido e si trovano tra i tessuti molli e le ossa. Fungono da cuscini tra i tessuti molli e le ossa per ridurre la quantità di attrito.

La borsite è, quindi, l’infiammazione o la lesione di una borsa. La borsa può gonfiarsi se c’è un piccolo stress continuo e un uso eccessivo della borsa. Questo tipo di infiammazione può essere facilmente gestita attraverso il cambiamento di attività e la medicina antinfiammatoria. Se il dolore e il gonfiore continuano, potrebbe essere necessario rimuovere del liquido dalla borsa. Potrebbe anche essere necessaria l’iniezione di farmaci corticosteroidi.

Il farmaco steroideo agisce come un farmaco antinfiammatorio ed è più forte del farmaco orale. Le iniezioni di corticosteroidi normalmente funzionano per fermare il gonfiore e il dolore e la chirurgia è piuttosto rara quando si tratta di borsite. Tuttavia, potrebbe essere necessario eseguire un’operazione quando una borsa viene infettata per drenare il fluido dalla borsa.

Se l’infezione nella borsa dovesse persistere, potrebbe essere necessario rimuovere la borsa. Questo processo di rimozione della borsa (escissione) può essere condotto utilizzando una procedura aperta standard (incisione standard). Può anche essere eseguito come una procedura artroscopica utilizzando piccole incisioni dall’apparato chirurgico. I medici dovrebbero spiegare la procedura appropriata per una situazione particolare.

Come prevenire lesioni ai tessuti molli

È comune che si verifichino lesioni quando si aumenta improvvisamente l’intensità, la frequenza e la durata delle attività fisiche. Tuttavia, è possibile prevenire la maggior parte delle lesioni dei tessuti molli e degli spasmi muscolari attraverso un allenamento e un condizionamento adeguati.

Puoi anche prevenire lesioni ai tessuti molli tramite:

  1. Uso di attrezzature adeguate durante le attività: per le attività sportive, procurati le scarpe più appropriate e assicurati di sostituirle una volta che si sono consumate. Impegnati nella tua attività sportiva preferita con abiti larghi e comodi per permetterti di muoverti liberamente. I vestiti larghi sono buoni per rilasciare il calore durante le attività sportive e abbastanza leggeri per muoversi liberamente. Quando ti alleni da casa, impegnati in attività gestibili e convenienti per evitare lesioni. Attività come yoga, esercizi di stretching semplici e jogging sono molto efficaci.
  2. Lavora su una forma fisica equilibrata. Avere un programma di fitness completo e non solo per la forma fisica. Incorporare allenamento della forza, fitness cardiovascolare e flessibilità. Assicurati inoltre di aggiungere attività al tuo programma con cautela e non all’improvviso. Incorporali uno alla volta per dare al corpo il tempo di adattarsi. È anche importante fare esercizi di riscaldamento prima di dedicarsi alle attività principali. Il riscaldamento consente al tuo corpo di adattarsi e guadagnare slancio. Il riscaldamento scioglie anche i muscoli, le articolazioni, i legamenti e i tendini, aumentando il flusso sanguigno al cuore e al corpo.
  3. Consuma abbastanza acqua. Bere abbastanza acqua aiuta a prevenire la disidratazione, il colpo di calore e l’esaurimento da calore. 15 minuti prima di iniziare l’allenamento, prendi 1 litro d’acqua e 1 litro in più d’acqua quando ti raffreddi. Mentre continui con l’allenamento, bevi un sorso d’acqua ogni 20 minuti.
  4. Prenditi del tempo per rinfrescarti. Concludi sempre il tuo programma di esercizi con il raffreddamento. Prendi il doppio del tempo di riscaldamento per raffreddare. Durante il raffreddamento, lavora sul rallentamento dei tuoi movimenti e lascia che i tuoi movimenti siano meno intensi. Questo dovrebbe essere il caso quasi 10 minuti prima che ti fermi completamente. Fondamentalmente, non interrompere bruscamente la tua routine di esercizi, ma fallo lentamente.
  5. Impegnati nello stretching. Inizia lo stretching lentamente e intensamente e continua finché non ottieni tensione muscolare. Lascia che ogni allungamento duri dai 10 ai 20 secondi e poi rilascialo con attenzione e lentamente. Inspira prima di ogni allungamento ed espira mentre lo rilasci. Ogni allungamento dovrebbe essere fatto una volta e non fino a un punto estremo per il corpo.
  6. Prenditi del tempo per riposarti. Metti da parte qualche giorno di pausa dall’attività fisica intensa. I giorni dovrebbero essere regolari affinché il corpo si adatti. Quando senti dolore o sei stanco, riposati.

Inoltre, evita di aspettare il fine settimana per fare esercizio. Impegnati a fare esercizio tutti i giorni in quanto rende il corpo abituato a fare esercizio. Le routine di esercizio non devono richiedere lunghe ore. Se hai un’agenda fitta, considera anche solo 15 o 20 minuti della tua giornata. Questo è abbastanza tempo e può essere raggiunto ogni giorno. Se un campo attrezzato o una palestra non sono a portata di mano, attività semplici come il nuoto e il jogging sono buone ed efficaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *