Agosto 8, 2022

Le più grandi sfide di fitness e come superarle

Puoi mostrare il tuo trionfo nelle foto sui social media, ma di tanto in tanto tutti affrontano il fallimento. Ognuno di loro è una lezione, ma solo se sei pronto per essere uno studente e imparare qualcosa di nuovo.

Se usi le informazioni che apprendi qui, diventerai sicuramente più saggio che mai e lascerai che tutti gli ostacoli si riprendano da te!

Abbiamo intervistato cinque atleti MusclePharm sulle più grandi sfide di fitness di tutti i loro anni di allenamento e abbiamo ascoltato cinque storie stimolanti che dovresti assolutamente conoscere. Lo dicono per te!

Superare i tram, mentalmente e fisicamente

Infortunio. Questa parola di sei lettere può turbare qualsiasi atleta e sconvolgere tutti i piani. Raynor Whitcomb può dire dalla propria esperienza come sperimentarlo non solo fisicamente, ma anche emotivamente.

“Ho subito un grave infortunio alla spalla cadendo durante un’amichevole di calcio”, ricorda Whitcomb. “Continuavo a chiedermi: perché ho anche giocato? Riuscirò mai a fare di nuovo la stessa cosa in palestra? Riuscirò mai a recuperare completamente? Avevo letteralmente bisogno di aiuto anche per indossare una maglietta. È stato difficile per prevedere come vivrò in futuro con questo infortunio”.

Tali pensieri negativi e percezioni di un futuro triste spesso portano alla depressione. “Mi sono depresso non solo perché non potevo esibirmi come prima, ma anche perché ero miope e ora lo pagavo. Pensavo che il mio infortunio mi avrebbe sicuramente impedito di raggiungere i miei obiettivi in ​​un certo periodo”. 

Devi solo venire a patti con questo, anche se ci vuole molto tempo. Le lesioni alla spalla sono comuni e Whitcomb alla fine si è reso conto che non avrebbe dovuto lamentarsi. “Ho dovuto accettare quello che è successo e mi sono chiesto quante altre persone hanno perso così tanto di più: le loro famiglie, la casa, il lavoro, l’amore. Ma mi sto lamentando di una sorta di infortunio alla spalla”, ricorda.

A questo punto, ha preso la decisione consapevole di accettare i suoi fallimenti, non importa quanto difficili, e usarli per crescere come persona. “In tempi difficili, problemi, infortuni mi hanno aiutato a migliorarmi e a rendermi più forte”, dice. “Abbiamo tutti dei problemi, ma abbiamo anche la possibilità di affrontarli e migliorare. Sta a te decidere se vuoi rimanere bloccato o se vuoi progredire ed essere felice. Ho scelto di essere felice”.

Immagine corporea e potere mentale

Noora Kuusivuori è stata a lungo una nuotatrice agonistica. Quindi, non le è mai importato davvero come fosse il suo corpo, si è preoccupato solo di come funzionava il suo corpo. Ma quando gli uomini hanno iniziato a lodare il suo fisico, paradossalmente l’ha resa ancora più autocritica nei confronti di se stessa.

“La mia attenzione è sempre stata sulle prestazioni atletiche, non sull’aspetto”, dice. “Improvvisamente ho sentito la pressione per essere perfetto e le mie lotte mentali mi hanno portato a sovrallenamento e abitudini alimentari malsane. Ho perso peso quando non avevo nulla da perdere e ho lavorato così duramente in palestra che ho lottato quotidianamente con l’allenamento della forza. , Mi sono allenato per sei ore al giorno, ma mi sono permesso di mangiare solo carote e tonno. È stata una follia da parte mia. “

Nel disperato tentativo di trovare un nuovo percorso, Kuusivuori ha iniziato a leggere libri e si è immersa nella psicologia per ottenere aiuto nella sua lotta con se stessa. “La mente umana è potente come puoi immaginare”, conclude. “Essendo un atleta abbastanza competitivo, ho usato la mia mente per visualizzare la mia performance di successo, quindi ho fatto lo stesso con il mio corpo e visualizzato l’immagine che volevo. Ho solo deciso di fermare la mia follia e poi fare il lavoro giusto per andare fino in fondo .” …

Il suo consiglio a tutti coloro che lottano allo stesso modo è di fare il duro lavoro necessario per creare risultati promettenti. “Non è normale e malsano guardare il proprio corpo in modo negativo e parlare a se stessi in modo negativo”, afferma Kuusivuori. Il tuo corpo è bello e non lasciarti mai costringere a credere in qualcos’altro.

“Concentra la tua attenzione su tutte le cose straordinarie che il tuo corpo fa ogni giorno e sposta la tua attenzione lontano dal tuo aspetto”, consiglia. “L’ossessione per il mio aspetto può perseguitare molte persone e potrei essere una di loro. Invece, mi sento felice in uno stato così sano che ho oggi”.

Rischio di un ulteriore aumento della massa muscolare

Sebbene le donne siano spesso più esplicite in questa materia, anche gli uomini sono spesso fissati sui problemi con i loro corpi. “Ero preoccupato che i miei muscoli non fossero abbastanza grandi”, dice Andre DeKastro. “Ho sempre voluto aggiungere un paio di chili in più qua e un paio là, ed è per questo che torno sempre in palestra: a causa di una tale rappresentazione nella mia testa di un corpo perfetto, ho inseguito il mio ideale e a volte mi ha portato lontano .” 

Questo uso eccessivo del corpo ha conseguenze prevedibili che possono essere facilmente trascurate nell’euforia dell’allenamento. Più volume ti alleni e più intensità fai, più crescita muscolare ottieni, giusto? Sì, lo è, ma potrebbe anche significare più infortuni in allenamento. “Nel corso degli anni, mi sono infortunato a entrambe le cosce diverse volte, mi sono rotto la clavicola destra, ho tirato i miei fidati tricipiti e ho avuto molti altri problemi lungo la strada. Avevo una paura costante di farmi di nuovo male”, ricorda.

Rallentare il disperato bisogno di aumentare la massa muscolare e concentrarsi su obiettivi a breve termine ha aiutato DeKastro ad andare avanti. Ha affinato le sue abilità su ciò che poteva fare in sicurezza in questo momento, piuttosto che lottare per la massima intensità.

“Volevo concentrarmi sull’uso delle mie debolezze a mio vantaggio, mangiando tutti i miei pasti quando avrei dovuto”, dice. “Ho anche fatto molte ricerche. Volevo sapere tutto, dalla nutrizione e l’integrazione alla biomeccanica. Così ho imparato nuovi metodi di allenamento e di esercizio sicuri che erano in grado di cambiare il mio regime di esercizi per adattarmi alle mie lesioni esistenti e ricominciare. progresso “.

Ha un altro consiglio molto prezioso che hai sicuramente sentito, ma vale sempre la pena ripeterlo. “Pazienza! La pazienza e la costanza sono le chiavi per raggiungere i tuoi obiettivi”, afferma DeKastro. 

Vivere nel dolore

Gli atleti, soprattutto i giovani, raramente comprendono tutte le realtà del loro sport: articolazioni costantemente doloranti, esaurimento sistemico e persino alcuni interventi chirurgici diventano segni d’onore. Fa tutto parte del gioco, no? Non proprio.

“Mentalmente sapevo che era tutto mio quando andavo in palestra ogni giorno, ma fisicamente il mio corpo non è in grado di gestirlo”, afferma il sollevatore di pesi Derrick Johnson. “Ho subito il mio primo intervento chirurgico al ginocchio all’età di 20 anni e un altro nel 2011, un anno prima delle Olimpiadi. Ho anche preso dosi regolari di ibuprofene e antidolorifici prima dell’allenamento e miorilassanti dopo quando necessario”. Tante cose, e il ragazzo non ha ancora 30 anni.

Ma Johnson ha iniziato a interrogarsi sugli schemi del suo futuro fisico e, dopo essersi trasferito a Los Angeles nel 2013, ha iniziato a rivedere il suo intero metodo di allenamento.

“Gli atleti di solito vedono l’infortunio come una parte inevitabile del processo. Anche io ho pensato allo stesso modo per molti anni. Ma poi ho iniziato a fare ricerche e a conoscere il potere del cibo”, ricorda. “Ho eliminato cibi infiammatori come zucchero, latte, cereali, alcol dalla mia dieta e ho smesso di prendere tutte le pillole. Durante la prima settimana, le mie articolazioni si sentivano meglio a 28 anni rispetto a quando avevo 16 anni”.

Ha anche rinnovato le sue routine di allenamento e si è concentrato sul rafforzamento delle articolazioni e sul miglioramento degli esercizi per la colonna vertebrale toracica. Questi due passaggi principali hanno contribuito a ridurre lo stress e lo stress durante l’allenamento sulle articolazioni e sulla parte bassa della schiena.

Sei mesi dopo aver apportato queste modifiche, Johnson ha vinto il campionato nazionale 2013. Ha partecipato a competizioni simili nel 2014 e 2015 ed è stato nella squadra degli Stati Uniti ai Campionati del mondo 2014 e 2015 e attualmente si sta preparando per le Olimpiadi di Rio 2016.

La lezione che ha imparato è che lo scopo della formazione non è solo la formazione. “Prenditi il ​​tuo tempo, ascolta il tuo corpo e dedica sempre la stessa quantità di tempo di recupero mentre ti alleni”, dice. “Se vuoi allenarti al massimo, impara a mangiare cibi abbastanza sani per farlo bene. Quindi dai a questi cambiamenti abbastanza tempo per fare soldi!”

Pensa per te

Come molte donne, Alyssa Smith ha lottato con il suo peso dopo essersi laureata. A quel tempo, ha rinunciato ai suoi regolari e intensi sport universitari per fare tranquillamente esercizi ellittici più volte alla settimana, dopo di che ha mangiato avidamente panini.

“Il peso in palestra mi ha spaventato e non avevo idea di cosa significasse un’alimentazione corretta e pulita”, ricorda Smith. “Sapevo di aver bisogno di guida e guida, quindi ho assunto un personal trainer”. Per sei mesi, è andata bene nel suo percorso di recupero dal suo precedente fisico. Come bersaglio, Smith ha deciso di partecipare alla competizione bikini.

Ma a volte la visione del tuo allenatore non coincide sempre con la tua opinione, anche se potrebbe volerci del tempo per realizzarla. Smith ha ricevuto consigli da un allenatore di programmazione prima della competizione, il che era estremamente estremo per non dire altro. “La mia preparazione di 13 settimane doveva riguardare il sovrallenamento, la denutrizione e il mio aumento di peso”, dice. “Sapevo che non era una direzione salutare, ma ho pensato che avrebbe funzionato perché l’allenatore mi ha detto di farlo”. 

Fisicamente, questo lavoro di preparazione ha funzionato e Smith si è comportato bene in questo spettacolo. Ma a livello mentale, tuttavia, non si sentiva bene. “Dopo di ciò, mi sono resa conto che non avrei mai voluto essere ossessionata dal pesarmi o pesare di nuovo il cibo”, dice. “Inoltre, non volevo provocarmi danni metabolici con queste diete e restrizioni estreme”.

Smith ha preso la sua brutta esperienza e l’ha usata come stimolo alla creatività, alla ricerca e a nuovi programmi di allenamento e regimi dietetici per rimanere magri, sani e, soprattutto, felici durante tutto l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *